Vai direttamente a:


SEGRETO STATISTICO E PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI



L’Istat è tenuto per legge a rispettare il segreto statistico sui dati raccolti in occasione delle proprie rilevazioni (art. 9 del d.lgs. n. 322/89) istitutivo del Sistema statistico nazionale.

Tali dati, pertanto, sono utilizzati esclusivamente a fini statistici e non possono essere comunicati ad alcun soggetto – pubblico o privato – estraneo al Sistema statistico nazionale, né possono essere diffusi, se non in forma aggregata e in modo tale che non sia possibile identificare la persona a cui le informazioni si riferiscono.

Questi cookie sono essenziali per portare a termine attività richieste dall’utente. Per esempio, per memorizzare informazioni fornite dall’utente mentre naviga nel sito. Il rispetto del segreto statistico si inserisce nella più ampia tutela dei dati personali prevista dal Codice in materia di protezione dei dati personali (d.lgs. n. 196/03) e, in particolare, dall’allegato A3 denominato Codice di deontologia per il trattamento di dati personali a scopi statistici in ambito Sistan.

Anche la statistica ufficiale, deve, pertanto, tutelare i diritti, le libertà fondamentali e la dignità dei rispondenti, con particolare riguardo al diritto alla riservatezza e all’identità personale.

Per rendere effettiva la tutela del segreto statistico e la protezione dei dati personali l’Istat appronta adeguate misure organizzative, logistiche, informatiche, metodologiche e statistiche, secondo gli standard definiti in sede internazionale.